Manutenzione: obiettivo riduzione guasti

By 7 Giugno 2018Dicembre 2nd, 2019Case History
WTCO Case History

2. Problemi comuni (tra i tanti) in un sistema di manutenzione

Problema 1:

Di seguito riporto alcune affermazioni che sento quotidianamente in azienda:

1
A: “Noi dividiamo le attività manutentive in ordinarie e straordinarie”
L: “”Ottimo, e qual è la differenza tra ordinaria e straordinaria?”
A: “Beh, se è la sostituzione di uno dei componenti più comuni, non troppo costosi, è ordinaria, se è una attività più costosa e sporadica allora è straordinaria”
A questo punto la risposta spazia tra:
”Quindi se abbiamo un guasto per la rottura di una fotocellula è un guasto ordinario?”
oppure
“Ma se è un componente mediamente comune, diciamo da qualche centinaio di Euro, dove lo collochiamo?”

2
B: “Le nostra manutenzioni sono preventive e correttive”

Poi, emerge che qualcuno nella stessa organizzazione considera le correttive come migliorative (ovvero apportare piccole migliorie alla macchina, magari come risultato di un kaizen), altri le interpretano come manutenzioni a guasto (a rottura).

La cosa grave non è tanto il nome che noi attribuiamo alle manutenzioni, che idealmente potremmo anche chiamare manutenzione X, Y, Z, ma è che all’interno dell’organizzazione ognuno interpreta le tipologie di manutenzione e le chiama come vuole, senza un accordo comune.

Lo schema a cui solitamente mi riferisco, che non è uno standard rigido globale, divide le tipologie di manutenzione in 3 famiglie:

  • Manutenzione preventiva – tutto ciò che facciamo prima che un guasto accada (quindi sì, anche la predittiva rientra in questa famiglia)
  • Manutenzione a guasto – tutto ciò che facciamo una volta che il guasto è avvenuto, manutenzione ad alta diffusione nel nostro paese
  • Manutenzione correttiva – tutti i piccoli miglioramenti che apportiamo alla macchina per renderla più affidabile, sicura, manutenibile, etc.

Non importa il nome a cui si vuole attribuire alle varie tipologie di manutenzione, il punto cruciale è che tutte le risorse dell’organizzazione siano d’accordo sul nome, non ci siano divergenze, e che la metodologia e l’analisi dei guasti siano solide e applicate con costanza e metodo.

Problema 2:

  1. Guasto impianto/macchina
  2. Intervento della manutenzione
  3. Riavvio

Variante A:
Ottimo lavoro dei manutentori, sono interventi in tempi rapidi e la macchina è ripartita in tempi accettabili

Variante B:
Dannata manutenzione, tempi biblici di risposta, ora non hanno neppure il componente da sostituire, dovremo tenere la macchina ferma per ore o addirittura giorni.

Fondamentalmente stiamo valutando il nostro team di manutenzione in funzione della loro reattività e capacità di far ripartire la macchina nel più breve tempo possibile (l’indice MTTR per chi lo vive dall’interno).

É un pò come si fa con i pompieri: bravi se sono riusciti ad intervenire in tempo, un pò meno bravi se arrivano a destinazione che i danni sono già irreversibili.

In realtà il compito del team di manutenzione e l’obiettivo di un sistema di manutenzione ben strutturato, è quello di garantire la massima affidabilità degli impianti e quindi, di non far accadere i guasti.

L’unico modo per fare ciò all’interno della quotidianità lavorativa è implementare un sistema di analisi dei guasti che identifichi la causa primaria, sviluppi contromisure definitive e faccia in modo che questo ciclo sia applicato con perseveranza.

Nella vostra azienda, mettereste la mano sul fuoco che il guasto di ieri non riaccada più?

Leave a Reply

La tua richiesta è andata a buon fine!

C'è stato un problema con la richiesta. Riprova.

WTCO will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.