Innovazione inversa: il progresso si fa nei paesi in via di sviluppo

By 16 Aprile 2018 4 Dicembre, 2019 Articoli

La reverse innovation rilancia la ricchezza dei Paesi in via di sviluppo

L’innovazione inversa o l’ innovazione rivoltante è un’innovazione vista o utilizzata per la prima volta nel mondo in via di sviluppo, e successivamente diffusa nel mondo industrializzato. Il termine è stato reso popolare dai professori di Dartmouth Vijay Govindarajan e Chris Trimble e da GE Jeffrey R. Immelt.

L’innovazione inversa è il processo attraverso il quale le merci sviluppate come modelli economici per soddisfare le esigenze delle nazioni in via di sviluppo, vengono “riconfezionate” come beni innovativi a basso costo per gli acquirenti occidentali.

Definizione

Il processo di innovazione inversa inizia concentrandosi su esigenze e requisiti per prodotti a basso costo in paesi come l’India e la Cina. Una volta che i prodotti vengono sviluppati per questi mercati, vengono poi venduti altrove, anche in Occidente, a prezzi bassi, creando così nuovi mercati e nuovi usi.

In genere, le aziende iniziano i loro sforzi di globalizzazione rimuovendo le funzionalità costose dal loro prodotto e tentano di vendere questi prodotti declassati nei paesi in via di sviluppo. Questo approccio, sfortunatamente, non è molto competitivo e si rivolge solo ai segmenti più ricchi della società di tali paesi in via di sviluppo. L’inversione dell’innovazione, d’altra parte, porta a prodotti creati localmente nei paesi in via di sviluppo, testati nei mercati locali e, in caso di successo, successivamente aggiornati per la vendita e la consegna nel mondo “occidentalizzato”.

Il termine “innovazione inversa” è stato originariamente definito in modo diverso, come l’innovazione ribaltabile, da John Hagel III e John Seely Brown nel loro articolo del 2005 del McKinsey Quarterly intitolato Innovation blowback: pratiche di gestione dirompenti dall’Asia. In sostanza, essi affermano che “la periferia dell’attuale contesto di business globale è dove il potenziale di innovazione è il più alto… I bordi definiscono e descrivono i confini di aziende, mercati, industrie, geografie, discipline intellettuali e generazioni, sono i luoghi in cui le esigenze dei clienti insoddisfatte trovano soluzioni inaspettate…”

Esempi di innovazione inversa, quali opportunità?

  • Nokia sta testando nuovi modelli di business per gli annunci pubblicitari in Kenya; ha anche creato nuove funzionalità nei suoi telefoni portatili venduti negli Stati Uniti, in base alle osservazioni su come i telefoni sono condivisi in Ghana.
  • Microsoft sta creando nuovi servizi di app per telefoni “semplificati” che consentono agli utenti con dispositivi non smartphone di accedere a siti Web come Twitter, Facebook. Costruito per mercati in India e Sud Africa, c’è un potenziale sorprendente per queste app come piattaforma di cloud computing a basso costo.
  • GE sta vendendo negli Stati Uniti una macchina per elettrocardiografo ultra-portatile. La macchina è stata originariamente costruita da GE Healthcare per i medici in India e Cina.
  • Procter & Gamble ha scoperto che un rimedio contro il freddo a base di miele creato per il Messico aveva anche un mercato redditizio in Europa e negli Stati Uniti.
  • Nestlé ha appreso che potrebbe vendere le tagliatelle essiccate a basso costo e povere di grassi, originariamente create per l’India rurale, anche in Australia e Nuova Zelanda proponendole come alternativa sana.

Sono poche le imprese capaci di attuare questo processo di innovazione inversa per una serie di limiti e vincoli:

  • Necessità di superare la logica dominante
  • Necessità di abbandonare le vecchie strutture organizzative e aggiungo a mio avviso anche certe gerarchie o funzioni.
  • Necessità di modernizzare i metodi di sviluppo e fabbricazione dei prodotti
  • Ridefinire la rete di vendita

Per attuare un modello di reverse innovation è necessario ripensare il modello fuori dai tradizionali schemi di glocalizzazione, in base alla quale i mercati passano dai mercati più ricchi a quelli più poveri.

Leave a Reply

Iscriviti alla nostra Newsletter e resta informato sul mondo WTCO.