Impara a gestire te stesso. Semplici modi per individuare le incognite

By 26 Aprile 2018Dicembre 4th, 2019Articoli

Impara a gestire te stesso. Semplici modi per individuare le incognite

[Di Dorie Clark – Harvard Business Review]

I leader affrontano ogni giorno situazioni complesse e incerte: come saranno le vendite il prossimo anno? Il nostro nuovo prodotto avrà successo? Cosa farà la concorrenza? Ma le circostanze più difficili sono spesso del tutto inaspettate, perché non siamo mai stati in grado di cercarle o individuarle. (Nel linguaggio di Donald Rumsfeld, l’ex segretario alla difesa degli Stati Uniti, si tratta delle incognite).

Dopo aver terminato il mio master, ad esempio, stavo pianificando una carriera nel mondo accademico. Ho fatto domanda per diversi programmi di dottorato e mi sono chiesto quale direzione prendere. La risposta: nessuna.

Semplicemente non avevo compreso che l’esatta qualità che mi aveva reso un candidato ideale prima della mia carriera accademica – ovvero una persona interessata a molte discipline – mi rendeva ora inadatto ai comitati di ammissione ai dottori, che reclutavano candidati iper-specializzati. Sono stato respinto ovunque. L’esperienza mi ha insegnato una lezione importante: avevo bisogno di anticipare meglio i miei punti ciechi. Ma come?

Tre strategie mi hanno aiutato a capire le lacune della mia esperienza:

Cerca una prospettiva interiore. La mia più grande lacuna è stata la mia incapacità di cercare una prospettiva interna sul processo di candidatura. Non avevo amici che frequentavano programmi di dottorato e, sebbene i miei professori mi piacessero, nessuno di loro era un mio mentore. Una guida interna avrebbe potuto rapidamente chiarirmi il funzionamento del processo di ammissione al dottorato, ma pensavo di sapere tutto in merito al mondo accademico, quindi non mi è mai passato per la testa di affidarmi a qualcuno.

Ecco perché, per qualsiasi impresa importante, è fondamentale assicurarsi di avere contatti con persone che hanno esperienza diretta. Quando recentemente ho fatto domanda per una borsa di studio prestigiosa, ho chiesto ad una persona interna di guidarmi e consigliarmi durante l’iter di candidatura. Questa volta, sono stato ammesso.

È anche importante porre le giuste domande. Non iniziare con “Cosa dovrei chiederti?” O “Cosa non sto chiedendo che dovrei?”. Bisogna piuttosto domandare della loro esperienza – a cui possono rispondere molto più facilmente – e poi prendersi il tempo per applicare queste dritte alla propria situazione.

Ad esempio, si potrebbe chiedere “Che cosa avresti voluto sapere quando stavi per iniziare il percorso accademico?” O “Che cosa hai imparato di nuovo? Cosa ti ha sorpreso?” O “Quali supposizioni avevi in origine?”.

I potenziali fallimenti. Gli studi hanno dimostrato che uno dei metodi più efficaci per migliorare i risultati è il cosiddetto “premortem”, ovvero immaginare in anticipo che un’iniziativa fallisca e lavorare per comprenderne i motivi. Questo aiuta a prevenire il pregiudizio naturale secondo il quale il progetto a cui si lavora sarà sicuramente un successo e ci costringerà a diventare “l’avvocato del diavolo”. L’esercizio può portare a intuizioni creative e a possibili problematiche che altrimenti verrebbero trascurate.

Prova per ipotesi implicite. Ogni persona e ogni campo detengono ipotesi implicite su “come sono fatte le cose” o “come funzionano le cose”. Tipicamente, queste ipotesi sono vere e forniscono un quadro utile. Ma occasionalmente, possono ritorcersi contro, reprimere i progressi e limitare il potenziale perché nessuno ha pensato di metterli in discussione.

Un modo per mettere in discussione le ipotesi implicite è sollecitare consigli da fonti improbabili, che potrebbero analizzare il problema da una prospettiva diversa. Come dice Stephen Shapiro nel suo discorso TEDxNasa, “Se hai 100 ingegneri che stanno lavorando ad un progetto o ad una sfida aerospaziale, il 101° ingegnere aerospaziale non farà granché la differenza. Ma aggiungi un biologo o un musicista e avrai qualcosa di diverso”.

Anche noi stessi possiamo mettere in discussione le ipotesi, semplicemente prendendo in considerazione il concetto di “cosa fanno tutti” o “il modo in cui è sempre stato fatto” e farlo in modo diverso.

Non possiamo eliminare completamente i nostri punti ciechi. Ma con le strategie sopra riportate, possiamo ridurli abbastanza da migliorare le prestazioni e risparmiarci alcuni errori.

Leave a Reply

La tua richiesta è andata a buon fine!

C'è stato un problema con la richiesta. Riprova.

WTCO will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.