Clienti, tecnologia e valore saranno i cardini della prossima era della globalizzazione

Da Harvard Business Review

Se chiedi ad un CEO che cosa lo preoccupa maggiormente in questi giorni, quasi sicuramente la sua risposta sarà: le tariffe e le guerre commerciali. Un terzo degli intervistati in un recente sondaggio McKinsey sui dirigenti globali ha affermato che l’incertezza sulla politica commerciale è la loro principale preoccupazione, e tre quarti di tutte le società affermano che le loro strategie di investimento globali stanno cambiando di conseguenza.

Ma le aziende non possono permettersi di reagire semplicemente a seguito di alcune notizie. Ogni decisione deve essere riferita al quadro più ampio, e facendo un passo indietro, è chiaro che i cambiamenti strutturali a lungo termine stanno ridisegnando la natura stessa della globalizzazione. La nuova ricerca McKinsey (qui i dettagli) guarda a 23 diverse catene di valore del settore in 43 paesi per avere una visione migliore di ciò che le aziende stanno già facendo e come si rapportano ai cambiamenti che daranno forma alla prossima era.

La nuova geografia della domanda e dei consumi

Innanzitutto, la geografia della domanda globale è radicalmente cambiata nell’ultimo decennio. Cina, India e altre economie emergenti sono state originariamente inserite nelle catene del valore globali realizzando manufatti ad alta intensità di manodopera ed esportandoli in economie avanzate. Per questo, pensarli ancora come “fabbriche a basso costo per il mondo” è un’ipotesi obsoleta. Sono mercati di consumo redditizi a pieno titolo e le loro aziende sono una nuova fonte di concorrenza.

La percentuale di consumo mondiale in via di sviluppo è aumentata di circa il 50% nell’ultimo decennio. La Cina ora importa tanti beni finali e anche beni di valore superiore. La Cina è il paese con più milionari di qualsiasi altro paese al mondo e ora rappresenta circa un terzo del mercato globale dei beni di lusso. Collettivamente, le economie emergenti probabilmente consumeranno quasi i due terzi dei manufatti del mondo entro il 2025: prodotti come automobili, prodotti per l’edilizia e macchinari all’avanguardia. Nei servizi ad alta intensità di conoscenza, compresi i servizi IT, i servizi finanziari e i servizi alle imprese, il 45% di tutte le esportazioni dalle economie avanzate è già in via di sviluppo.

Mentre la domanda locale è in aumento, le economie emergenti stanno anche raggiungendo un nuovo livello di maturità industriale. Stanno costruendo catene di approvvigionamento nazionali che consentono loro di ridurre le importazioni. La Cina, in particolare, sta modernizzando più industrie e sviluppando le sue capacità nel design, nell’ingegneria e nella produzione high-tech. Inoltre, le economie in via di sviluppo stanno dando vita ai loro giganti multinazionali: le società ora stanno diventando globali attraverso le esportazioni e le acquisizioni straniere. Le multinazionali occidentali stanno affrontando nuove sfide competitive nei loro cortili interni.

Anche le catene del valore sono influenzate da un’ondata di tecnologie di prossima generazione. Alcuni, comprese le piattaforme digitali e le applicazioni logistiche, continueranno a ridurre i costi, i ritardi e gli attriti commerciali. Le reti Ultrafast 5G forniranno una base per l’IoT, reti più intelligenti, veicoli autonomi e realtà virtuale. Forse, in modo più profondo, le tecnologie di automazione stanno cambiando il modo di produzione dei beni.

Oggi le multinazionali stanno studiando una mappa della domanda globale che è radicalmente cambiata rispetto a una decina di anni fa in seguito alle nuove tecnologie di automazione che riducono l’importanza dei costi della manodopera. Inoltre, poiché le spedizioni di merci a metà del mondo ostacolano la reattività e rallentano la velocità di commercializzazione, alcuni produttori stanno istituendo o consolidando più catene di approvvigionamento regionali per servire i loro mercati principali in modo più efficiente.

Questi cambiamenti nel processo decisionale aziendale stanno iniziando a comparire nelle statistiche commerciali. L’intensità del commercio (ovvero la quota di produzione globale venduta oltre confine) diminuisce man mano che aumenta il consumo di ciò che viene prodotto localmente. Il mondo sembra avere superato i giorni in cui le aziende inseguivano le produzioni a basso salario. Oggi solo il 18% degli scambi coinvolge economie avanzate che importano dai paesi con salari minimi. Fattori come la vicinanza ai clienti, la qualità delle infrastrutture e la disponibilità di una forza lavoro più qualificata stanno assumendo oggi un peso maggiore rispetto alla ricerca di costi di manodopera globali più bassi possibili.

Allo stesso tempo, i flussi di servizi crescono del 60% più velocemente degli scambi di merci. La tecnologia sta iniziando a rendere praticabile la fornitura di servizi come la manutenzione industriale e la telemedicina da remoto. In più catene di valore (compresa la produzione), un maggior valore proviene dai servizi, sia software che di design, proprietà intellettuale, distribuzione, marketing o servizi post-vendita.

Le aziende stanno assorbendo e reagendo a questi cambiamenti anche quando cercano di far fronte all’incertezza della politica. Con entrambe le strutture industriali e l’economia globale in flusso, questo è un momento per rivalutare dove competere lungo la catena del valore e dove operare in tutto il mondo in futuro.