Il 2018 all’insegna degli aumenti di prezzo

I prezzi delle materie prime potrebbero aumentare ulteriormente nel 2018: la Banca mondiale

I prezzi del petrolio si attestano a $ 56 al barile nel 2018, rispetto alla media del 2017 di $ 53 / bbl

WASHINGTON, 26 ottobre – La Banca Mondiale ha affermato che i prezzi del petrolio saliranno a $ 56 al barile nel 2018 rispetto ai $ 53 del 2017 a seguito di una domanda in costante crescita, tagli di produzione concordati tra gli esportatori di petrolio e i produttori di olio di scisto americani, mentre l’aumento dei prezzi dei metalli è previsto per il corso del 2018.

I prezzi inerenti le materie prime energetiche, quali petrolio, gas naturale e carbone, dovrebbero salire del 4% nel 2018 dopo un salto del 28% nel 2017, ha detto la Banca Mondiale nel suo Outlook sui mercati delle materie prime di ottobre . L’indice dei metalli dovrebbe stabilizzarsi nel corso del 2018, dopo un balzo del 22% nel 2017, poiché una correzione dei prezzi relativi al minerale di ferro è compensata dall’aumento del costo di altri metalli di base. Si prevede che i prezzi delle materie prime agricole, comprese le materie prime alimentari e le materie prime, diminuiscano modestamente nel 2017 per aumentare sensibilmente nel 2018.

“I prezzi dell’energia si stanno riprendendo in risposta alla domanda costante e alla caduta delle scorte, ma molto dipende dal fatto che i produttori di petrolio cerchino di estendere i tagli alla produzione”, ha dichiarato John Baffes, Senior Economist e autore principale di Outlook sui mercati delle materie prime. “Gli sviluppi in Cina giocheranno un ruolo importante nella definizione dei prezzi per i metalli”.

La previsione del prezzo del petrolio è una piccola revisione al ribasso dalle previsioni di aprile 2017 ed è soggetta a rischi. Le forniture di produttori come Libia, Nigeria e Venezuela potrebbero diminuire. I membri dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) potrebbero concordare di ridurre ulteriormente la produzione, mantenendo così una pressione al rialzo sui prezzi.

Tuttavia, il mancato rinnovo dell’accordo potrebbe far abbassare i prezzi, così come potrebbe aumentare la produzione dell’industria petrolifera statunitense. Si prevede che i prezzi del gas naturale aumenteranno del 3% nel 2018, mentre i prezzi del carbone stanno diminuendo dopo una crescita di quasi il 30% nel 2017. Le politiche ambientali della Cina saranno un fattore chiave per determinare le tendenze future nei mercati del carbone.

Si prevede che i prezzi del minerale di ferro scenderanno del 10% nel prossimo anno, ma una fornitura limitata dovrebbe far salire i prezzi per i metalli di base tra cui piombo, nichel e zinco. I rischi al ribasso includono una domanda più bassa del previsto da parte della Cina, o un allentamento delle restrizioni alla produzione sulle industrie pesanti cinesi.

Si prevede che i prezzi dell’oro diminuiscano il prossimo anno sulle aspettative di maggiori tassi di interesse statunitensi.

I prezzi dell’agricoltura dovrebbero aumentare nel 2018 a causa della riduzione delle forniture, con prezzi marginali di cereali, olio e farina. I mercati delle materie prime agricole sono ben forniti e si prevede che i coefficienti di stoccaggio di alcuni grani raggiungeranno i massimi pluriennali.

Tuttavia, le condizioni climatiche favorevoli, i mercati alimentari globali ben forniti e i prezzi mondiali relativamente bassi non implicano necessariamente un’ampia disponibilità di cibo ovunque. Le condizioni di siccità che, secondo alcuni, sono le peggiori da 60 anni, hanno causato fallimenti nelle colture in alcune parti dell’Etiopia, della Somalia e del Kenya e hanno causato gravi carenze alimentari. I conflitti in Sud Sudan, Yemen e Nigeria hanno provocato emergenze sanitarie ed alimentari.

L’ Outlook dei mercati delle commodity della Banca Mondiale fornisce analisi di mercato dettagliate per i principali gruppi di materie prime, tra cui energia, metalli, agricoltura, metalli preziosi e fertilizzanti. Il rapporto include previsioni di prezzo fino al 2030 per oltre 45 prodotti di base. Fornisce inoltre dati storici sui prezzi, l’offerta, la domanda e bilanci commerciali per la maggior parte delle materie prime.

Scarica il pdf dei mercati delle materie prime di ottobre

[Fonte: The World Bank, 26 Ott. 2017]